Tutto per una ragazza (Nick Hornby)

Storia di due sedicenni, di un amore tira e molla e di un figlio… Vi avevo detto, mi sembra, che Nick Hornby mi era piaciuto (e ricordo di aver ringraziato mia cugina per avermelo fatto conoscere attraverso il libro che mi aveva regalato). Ebbene, ho trovato – al solito supermercato – il libro che dà il titolo al post e me lo sono comprato senza pensare troppo alla valanga di libri che – sul comodino – aspettano ancora di essere letti. Dopo Natale ho iniziato a leggerlo e, anche questa volta, nell’arco di pochi giorni l’ho finito. E’ la storia di 2 ragazzi di 16 anni che si conoscono ad una festa. Alicia, molto carina, è costretta (perché in punizione) a subire al festa che sua madre dà in casa loro. Viene invitato anche Sam, perché figlio di una collega della madre di Alicia. Sono gli unici 2 sedicenni della festa… è logico che facciano amicizia e fronte compatto contro il “vecchiume” presente alla festa. Ehm: “vecchiume” lo dico in senso scherzoso… anche perché rientrerei anche io in quella categoria, quindi nessuno si senta offeso. Le famiglie di Sam e Alicia sono molto differenti: Sam vive con la madre, di 32 anni (ha avuto Sam a 16 anni) e vede il padre ogni tanto; Alicia vive in una famiglia che – se stiamo agli stereotipi odierni – possiamo definire “normale” (padre e madre ancora insieme, buoni impieghi, lei è nata quando la madre aveva 36 anni). Sam rimane subito colpito […]

Ubik (Philip K. Dick)

Qualsiasi problema abbiate, Ubik lo può risolvere… Ancora una volta sono stato colto da un fulminante raptus di “iperlettura”: visto e preso da uno scaffale di un supermercato, ho cominciato questo libro 2 giorni fa e l’ho finito in quattro e quattr’otto… La storia, in breve, è ambientata in un futuro prossimo: la seconda parte del 1990 (per Dick). Ci sono dei soggetti detti “psi”, come i soliti precog (riescono a vedere nel futuro, come Nicolas Cage in “Next” – film tratto da un libro di Dick) e i telepati (che riescono a leggere nella mente degli altri), oltre ad altre persone con poteri che definiremo paranormali (ma che, secondo Dick, potrebbero essere uomini più evoluti fra la specie umana). Questi psi sono usati da una organizzazione per “spiare” progetti industriali, installazioni militari e cose simili. Ci sono agenzie di prudenza che “affittano” a chi ne fa richiesta “inerziali”, cioè persone che hanno un “contro-potere” particolare. Un inerziale, se è nelle vicinanze di uno “psi”, riesce ad annullarne i poteri. L’Agenzia di prudenza di Glen Runciter, presso cui lavora Joe Chip, è la migliore della terra. Quando riceve l’incarico per bonificare una installazione su Luna, però, le cose si mettono male… 11 inerziali, più Joe Chip e Glen Runciter si recano su Luna, ma la missione si rivela una trappola ed una bomba esplode nella sala riunioni. Nel caos che ne segue sembra che solo Glen Runciter sia rimasto vittima dell’esplosione, mentre gli altri riescono a tornare all’astronave, portando anche […]

La Montagna Incantata (Thomas Mann) – Post finale

…questa storia è moto lontana nel tempo, è, diremo così, già tutta coperta di nobile patina storica e va assolutamente raccontata nel tempo del più remoto passato. (La montagna incantata – premessa) Forse con troppa sicurezza di me ho scritto nel titolo che si tratta del post finale su quest’opera che ha accompagnato (ed a volte assillato) le mie letture negli ultimi tre mesi. L’autore stesso, nell’appendice (il discorso tenuto per una lezione agli studenti di Princeton) consiglia di leggere la sua opera due volte: la seconda volta saranno più chiari (cerco di riassumere l’idea dell’autore) i vari passaggi (o temi, nel senso musicale del termine) che compongono il romanzo. La storia la faccio brevissima: un giovanotto (Hans Castorp) di Amburgo, un mediocre borghese e mediocre ingegnere navale, va a trovare suo cugino Joachim presso il sanatorio internazionale Berghorf. Pensa di passare lì tre sole settimane ma invece ci rimane 7 anni perché gli trovano un po’ di malattia. Grazie alla conoscenza di vari personaggi (l’umanista Settembrini, il gesuita Naphta, Clavdia – di cui si innamora) e a varie esperienze compie una specie di cammino iniziatico ed accresce el sue conoscenze, anche se in realtà il tutto porta ad una crescente apatia piuttosto che ad un ruolo maggiormente attivo nella vita civile. Malattia e Morte diventano compagne di questo cammino (muore il cugino Joachim, muoiono altri personaggi più o meno importanti) e solo lo scoppio della prima guerra mondiale riesce a staccare Castorp dal sanatorio. Dove, la follia della guerra, […]

Questo blog si serve di cookie tecnici per l'erogazione dei servizi e ospita cookie di profilazione di terze parti, utilizzati per la personalizzazione degli annunci pubblicitari. Se vuoi saperne di più a riguardo, compreso come cancellarli e/o bloccarli, accedi alla pagina Cookie Policy per visionare l'informativa completa, altrimenti clicca su "OK" per accettarli esplicitamente. Se prosegui nella navigazione sul sito acconsenti tacitamente al loro uso. Maggiori info

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi