101 storie ebraiche che non ti hanno mai raccontato (Laura Quercioli Mincer)

Piccole storie di un piccolo popolo…

Nutro – lo ammetto – una certa curiosità e simpatia verso il popolo ebraico (e, attenzione, parlo di popolo ebraico, che non coincide col popolo israeliano). Sarà per il background biblico che ho, o forse per alcune (presunte) affinità con i caratteristiche che ritengo simpatiche. Intendiamoci, un uomo è un uomo in qualsiasi popolo: c’è la persona cattiva come c’è quella buona, al di là di provenienza e origini. Ma a volte alcuni popoli mi ispirano una particolare simpatia: il popolo ebraico, come dicevo sopra, è uno di questi. Non il solo, ma uno di loro.

Cerco quindi di soddisfare la mia curiosità con qualche occasionale libro. Un personaggio mi ha colpito in modo particolare, nel suo modo di raccontare il proprio popolo, con tanta autoironia e un po’ di canzonatura… Ecco, una delle caratteristiche che apprezzo: l’autoironia. Si tratta di Moni Ovadia, ebreo nato in Bulgaria. Di solito apprezzo i suoi libri, e la prefazione a questo libro, da lui curata, è l’esca che mi ha fatto avvicinare a questo libro.

Mi aspettavo qualcosa di diverso: non peggio né meglio, semplicemente diverso. Le storie raccontate spaziano dai tempi antichi (alcuni racconti vengono da millenni di storia) ai nostri anni. Alcune sono commoventi, altre allegre, molte hanno un sottofondo di autoironia. Buona parte delle storie, poi, hanno ambientazione italiana, e narrano di personaggi (anche famosi e storici) che hanno origini ebraiche o hanno avuto a che fare con persone di quel popolo.

Forse mi aspettavo più store personali, aneddoti, curiosità, e raccontate con uno stile leggermente diverso (alla Ovadia, per intenderci). L’autrice ha un suo stile personale che, a volte (in un paio di storie) si è dimostrato un po’ confusionario. Sono stati due semplici passaggi, su due storie diverse, che non hanno interrotto la lettura, ma semplicemente mi hanno costretto a rileggere il passaggio due volte. Per il resto le storie scorrono bene: sono piccole (1 pagina o due al massimo), si leggono bene e sono leggere.

Come accennavo sopra, ci sono alcune storie che ci catapultano proprio nella cultura ebraica. Partendo da Adamo ed Eva, la leggenda dei trentasei giusti, fino ad una riflessione sul simbolo ebraico per eccellenza: la stella di Davide. Insomma, un bello strumento per entrare in contatto con questo popolo (che lo si apprezzi o meno).

Una curiosità: la pubblicità in fondo al libro ne presenta uno simile: “101 storie sull’Islam che non ti hanno mai raccontato” (Angelo Iacovella). Anche l’Islam mi incuriosisce (dopo aver gustato alcuni assaggi della loro cultura durante il mio viaggio in Marocco): mi sa quindi che prossimamente vi parlerò anche di quel libro.

Buona lettura. 

Perché no? : L’ebreo corrosivo (Moni Ovadia)

“Impossibile imporre agli ebrei l’unanimismo. Se ci sono 4 ebrei, ci sono sette partiti politici, perché c’è quello cretino che ha un’idea sola” (capitolo Unanimismo / Utopia)

Sì, il succo del libricino di Moni Ovadia è proprio quello ripreso nella citazione. Il popolo ebraico è molto particolare: come dice l’autore, l’ebreo ha sempre più di una idea, più di un punto di vista. E Moni descrive in modo ironico (e con toni anche un po’ dissacranti) la personalità dell’ebreo.

Il librettino (meno di 100 pagine) è la trascrizione, corretta e integrata dall’autore stesso, di uno spettacolo teatrale. Comincia con lo spiegare il titolo “Perché no?”: è una delle caratteristiche degli ebrei quella di rispondere ad una domanda, quasi sempre, con un’altra domanda, lasciando, in questo modo, la questione sempre aperta a nuove interpretazioni e conclusioni.

Nel descrivere le caratteristiche dell’ebreo (corrosivo in quanto stressante, pedante, e altri aggettivi simili) Ovadia parte da “la faccia come il deretano”: la khutzpe, e la spiega (oltre che con riferimenti al patriarca Abramo) con una storiella semplice (che riassumo): un ragazzo uccide i propri genitori. Il giudice infligge il massimo della pena e chiede, al giovane (prima di farlo portar via) se ha qualcosa da dire. Il giovane, prontamente, risponde: “non potete darmi il massimo della pena: sono orfano!!!”.

E’ grazie ad una serie di queste storielle che Moni riassume le caratteristiche fondamentali del carattere ebraico. Presenta anche alcuni “personaggi” che da soli rappresentano una caratteristica: lo Shnorrer (mendicante del ghetto), che è maestro della khutzpe. Ci descrive l’attaccamento al denaro (ma non come Paperone: per l’ebreo il denaro deve girare, non stare fermo in un deposito). Ci parla dei “segni”, e del fatto che i patriarchi ebrei erano segnati (Mosè balbuzionte, Giacobbe zoppo, Isacco cieco): quasi come se l’essere ebreo diventi un segno a sua volta. Ci racconta di nonni e mamme, e delle figure che hanno nella famiglia ebraica.

Tutto intercalato da storielle esplicative. E spesso e volentieri spiegato anche grazie alla Bibbia, perché l’identità ebraica passa anche (e molto) attraverso il proprio rapporto con Dio (e qui entra in moto il catechista che è in me: alcune parti potrebbero essere usate – seppur in determinati contesti – per essere lette insieme ai ragazzi del catechismo…).

E’ un librettino molto carino, in cui si nota anche una bella dose di autoironia. Veramente piacevole da leggere. Vi consiglio di farlo (di leggerlo)…

Permettetemi di concludere con la storiella dell’ebreo corrosivo, tratta dal capitolo “Identità ebraica”:

Che cos’è un ebreo corrosivo? Un ebreo corrosivo è un ebreo che arriva in uno sperduto villaggio della Transcaucasia dove non hanno mai visto un ebreo; non sanno cosa è il giudaismo. Questo villaggio ha duemila abitanti, e l’hanno dopo il suo arrivo ci sono duemila antisemiti.”