Schiavone letterario vs Schiavone televisivo

So che mi ero dato una regola ferrea quando questo blog prese vita: “mai vedere film tratti da romanzi letti“. Ma, lo ammetto, sto invecchiando e tutto mi sta diventando più relativo. E in questo caso mi piaceva vedere come fosse venuta la trasposizione televisiva di un antieroe come Schiavone, che sto imparando ad apprezzare sempre più. Considerando soprattutto il fatto che lo stesso Manzini (l’autore dei romanzi) ha messo mano alla scenografia: come ha rappresentato, lui, visivamente Schiavone e quali differenze ci sono con quello che io ho immaginato durante la lettura?

Iniziamo a raccontare, per chi non lo conosce, chi sia Rocco Schiavone. Partendo, però, da una premessa: io non ho letto tutti i romanzi ed i racconti di Manzini dove il vicequestore è protagonista, quindi mi baso su una conoscenza parziale. Ho letto “Non è stagione” (che mi è piaciuto particolarmente, e la cui trasposizione TV andrà in onda proprio mercoledì prossimo, 23 novembre 2016, su Rai2), ho ultimato da poco “7-7-2007” (dove tutto ebbe inizio… ne parlerò nei prossimi giorni) ed una serie di racconti della serie “in giallo” di Sellerio (“Il calcio in giallo : …e palla al centro“, “Turisti in giallo : Castore e Polluce“, “La crisi in giallo : L’anello mancante“,  “Vacanze in giallo : Rocco va in vacanza“, solo per citare i più recenti). Mi mancano, per esempio, i primi romanzi valdostani. La puntata di mercoledì scorso (16 novembre 2016), per esempio, racchiudeva i racconti “Castore e Polluce” e “L’anello mancante”: probabilmente entrambi (soprattutto il secondo) erano abbastanza corti per arrivare a 100 minuti di episodio, e sono stati uniti senza – mi sembra – snaturare nessuno dei due.

Dicevamo: chi è Rocco Schiavone? Vicequestore di polizia, romano, operante presso una questura della capitale fino a poco tempo fa, è stato trasferito ad Aosta per una serie di cavolate commesse durante il servizio. In “La pista nera” racconta qualcosa, di aver picchiato di santa ragione un pedofilo, ma probabilmente non è tutto (altra parte viene fuori in “7-7-2007”). Non si trova bene ad Aosta, odia la montagna, in parte odia il suo lavoro, ma ha il “difetto” di saperlo fare bene, ha quell’intuito tipico dei detective che non si accontentano di come sono presentati i fatti, quei personaggi che, analizzando i piccoli dettagli, riescono a scardinare ciò che sembra (la maschera) e a scavare fino a ciò che veramente è. Detta in parole povere, dove molti vedono un tragico incidente, lui riconosce i piccoli segnali di dolosità e riesce a scovare l’assassino di turno.

E’ un antieroe per eccellenza, perché per niente propenso a rispettare le regole, soprattutto quando contornate da pomposità o imposte con arroganza. E poco rispettoso anche delle procedure di indagine: ha ancora nell’animo il passato, da ragazzino, di piccolo delinquente, ed ha ancora tre amici di quell’ambiente che lo aiutano, di tanto in tanto, con qualche lavoretto sporco non propriamente usabile in un’aula di tribunale. Ma Rocco ha un senso della giustizia tutto suo, che guida il suo lavoro. Di base i principi sono uguali al concetto stesso di giustizia, ma Rocco li stravolge un po’ nelle sfumature, nelle sfaccettature. Se prendiamo per buono che “giustizia significa che tutti abbiamo quanto è giusto” per Rocco questo può essere interpretato anche come rubare ai ladri e ai delinquenti, o picchiare un sospettato di violenze verso altre persone… Che per un vicequestore della Polizia non è proprio il massimo.

Ma torniamo alla serie Rai e a cosa mi è piaciuto e cosa ho trovato non coerente coi racconti letti. Marco Giallini, l’attore che interpreta Rocco, ci sta bene: si avvicina moltissimo alla fisicità che si percepisce dai romanzi e dai racconti. Non so perché, unica cosa, io mi immaginavo Rocco senza barba, mentre nella serie TV ce l’ha. Pero ci sta bene. Mi aspettavo invece diversa Marina, la moglie-fantasma che segue sempre Rocco (saprete che Marina è morta, il come è spiegato in “7-7-2007”, ma è sempre presente, specialmente quando Rocco torna a casa ed è solo, e gli fa anche un po’ da coscienza). Niente male Isabella Ragonese, che la interpreta, ma mi aspettavo una figura più eterea, quasi come la Liv Tayler-Arwen nel “Signore degli anelli”.  Mentre mi convincono meno i poliziotti-macchietta: nei romanzi hanno una valenza leggermente diversa, come se rappresentassero l’idiozia più comune, le persone proprio di basso livello, mentre in TV assomigliano più dei comici demenziali. Ma forse è una impressione mia.

Ho notato, invece, una buona aderenza al testo scritto: ricordavo abbastanza bene entrambi i racconti che si sono fusi nell’ultimo episodio (“Castore e Pollluce” e “L’anello mancante”, come accennavo sopra), tanto che mi sono trovato ad anticipare alcune battute o alcune scene durante la visione (con sommo spregio di chi mi stava accanto). Sarà che Manzini fa parte dello staff che ha tradotto in immagini il racconto, ma è uno dei pochi casi che conosca in cui la versione TV è molto simile a quella letteraria (certo, alcuni aggiustamenti ci vogliono, ma è naturale quando si usano due mezzi così diversi). Odio – per far capire cosa intendo – quei film che sono indicati come “tratti dal romanzo tal de’ tali” ma che di esso mantengono a mala pena il titolo. Penso ad alcune opere minori di Phil K. Dick, che hanno dato origine ad alcuni film snaturando completamente il contenuto. Belli, mi son piaciuti come film, ma invece di dire “tratto da…” dovevano essere indicati come “abbiamo preso l’idea dal romanzo … e l’abbiamo sviluppata in un modo tutto nostro”.

Se vogliamo trovare qualche difetto alla serie, ne indico uno più uno. Il primo è che non è “veloce”: i romanzi stessi non sono calibrati per esser veloci (per fare un esempio, non sono un thriller alla Polidoro, dove le azioni si accavallano freneticamente). In un romanzo la “lentezza” ci sta anche bene. In televisione, invece, se non hai un certo ritmo rischi di annoiare. Ora, non posso dire che le due puntate da me viste mi abbiano annoiato, ma sono rimasto incollato alla TV più per l’attrazione verso il personaggio che dall’incalzare dell’azione che si svolgeva. Se paragoniamo a qualcosa di conosciuto abbastanza da tutti possiamo chiamare in causa Montalbano (la serie TV): la velocità è appena appena più bassa in Schiavone rispetto al personaggio di Camilleri.

Il secondo difetto che, almeno secondo qualcuno, affligge la serie TV è, appunto, una similitudine con Montalbano. Ma secondo me, a parte pochi elementi comuni, parliamo di due cose differenti. Come elementi comuni possiamo individuare alcune caratteristiche dei personaggi: entrambi riflessivi (ma per motivi e con modalità diverse), molto acuti e ricercatori di verità (caratteristiche fondamentali per un investigatore). Ma per uno (Montalbano) le regole sono fondamentali mentre l’altro (Schiavone) tende a passarci sopra. Montalbano ha una profonda umanità ed una decisa empatia verso le altre persone, mentre per Schiavone le persone sono interessanti solo quando sono il mezzo o il risultato di una ingiustizia. Altrimenti tende a considerare l’altro una rottura di coglioni. Entrambi i personaggi sono molto acculturati (Montalbano grande lettore, Schiavone amante dell’arte), ma estremamente diversi nel rapporto con sé stessi: Montalbano abbastanza in pace con il suo io, Schiavone invece quasi si disprezza (almeno io leggo con questa chiave le loro solitudini: il primo tende comunque a curarsi – nuoto, cibo – mentre il secondo si trascura).

Ma, andiamo alla domanda fondamentale: mi piace? Sì, abbastanza. Non ci vado pazzo e non credo salterei altri impegni per vederlo, ma mi piace. Lo ritengo un buon prodotto, fatto anche bene. Gli attori mi sembrano bravi e le storie sono valide (come dicevo, sono molto aderenti ai romanzi, i quali sono decisamente validi).

Consiglio la visione? Sicuramente sì, almeno un episodio, anche se so che qualcuno potrebbe trovarlo noioso. Ammetto di esser curioso per il prossimo episodio (tratto da “Non è stagione”) in cui Rocco dovrà correre contro il tempo per salvare una vita (ma non vi dico più niente, altrimenti vi anticipo troppo). Probabilmente in questo caso avremo una “velocità” maggiore rispetto agli episodi precedenti. Almeno spero 🙂

Buona lettura e/o buona visione, in base a quello che preferirete fare.

[Anteprima] La biblioteca di Caino (Valentina Mancini)

(dal sito dell'editore)

(dal sito dell’editore)

Buffi i casi della vita… ti perdi di vista con una persona (lavoro e varie storie della vita che ti portano su strade che non si incrociano spesso come accadeva prima) e dopo qualche anno la ritrovi e ti dice che ha scritto un libro. E rimani piacevolmente sorpreso. Indaghi e scopri che non è un giallo o un romanzo in genere, ma si tratta di un saggio: la sua tesi universitaria, che è riuscita a toccare un argomento decisamente “fuori dagli schemi”, tanto che ha incuriosito anche me. Ora, come vedete nel titolo del post, si tratta di una anteprima: io non ho letto il libro ma ho parlato (via, per esser precisi, chattato) con Valentina, l’autrice, chiedendole come mai di questa scelta, e mi ha incuriosito talmente tanto che aspetto una copia (ovviamente autografata) per leggermelo…

So anche che Valentina si impegna cuore ed anima in progetti che hanno un sottofondo umanitario. E conoscendola, immagino (anzi, sono quasi sicuro) che sia andata ben al di là del semplice compito di raccolta carte e documenti.

Di cosa parla il saggio? Delle biblioteche carcerarie, realtà pochissimo conosciute (talmente poco che l’impegno che Valentina ha dovuto metterci è degno delle fatiche di Ercole): nel libro si concentra su quella che è la storia della loro nascita e di come è l’organizzazione delle stesse, ma traspare (con molta delicatezza) anche la parte umana. Valentina è stata volontaria in una di queste piccole biblioteche, segno di speranza e di rinascita per alcuni carcerati. Non può parlarci delle singole storie, delle persone che ha conosciuto, ma nel parlare mi ha fatto capire come questa esperienza le abbia cambiato la vita. E sospetto che abbia influenzato anche il libro.

La fortuna di avere una scrittrice come amica è che le si possono fare un po’ di domande e lei è felice di condividere quello che ha provato durante questa esperienza. Così mi ha scritto due righe per spiegarmi come è nato questo progetto, e ve le riporto così come sono uscite dalla sua tastiera:

L’idea è nata per per caso o per destino, come dir si voglia, perché un giorno (era il 2013), sfogliando un pieghevole, ho letto “La biblioteca carceraria come spazio di libertà“… e a quel punto si è scoperchiato il vaso di pandora! Direi che è stato quasi un “colpo di fulmine” tra me e questa tematica nuova e tutta da scoprire.

Il giorno in cui sono andata, anche un po’ timorosa l’ammetto, a chiedere la tesi al prof. Mauro Guerrini lui è rimasto un attimo stupito, non si aspettava certo che una studentessa in biblioteconomia, con tutti i temi di cui parlare, tirasse fuori un simile argomento. Da quel momento si è sviluppata una bellissima collaborazione con il professore, ed eravamo entrambi entusiasti dell’evoluzione che stava prendendo il lavoro e alle fine è stato un bel 110 e lode.

Ma prima di arrivare al felice epilogo del 2014, ho passato un anno alla ricerca del materiale su cui lavorare ed è stato veramente difficile in quanto tutto si racchiudeva in due piccoli libri contenenti solo atti di convegni. Per fortuna in mio soccorso è arrivata la storia.

E alla fine nel 2016 mi sono decisa a pubblicare la mia tesi, spinta proprio dalla necessità di mettere a disposizione di altri più materiale per poter, spero un giorno, arrivare a svilupparsi in maniera più approfondita e meglio argomentata di come ho potuto fare io.

Il libro parte dall’evoluzione della storia della pena carceraria, di come siamo passati dalla tortura e pena di morte, al concetto di carcere come pena  e come le biblioteche carcerarie si inseriscano a pieno in un momento storico particolare che va di pari passo con la nascita della prigione come la conosciamo oggi; seguono le leggi, ecc e  una serie di “testimonianze” che ci mostrano come esse esistano davvero, ma ahimè c’è anche il rovescio della medaglia…

Dopo la laurea, nell’aprile del 2015, sono entrata come volontaria in una struttura penitenziaria. A quel punto mi sono scissa in due, perché a livello professionale ho preso subito visione di tutte le problematiche che avevo riportato nel libro; e a livello personale è stato qualcosa di indescrivibile e che sicuramente rifarei. Purtroppo non posso dire molto su questo, anche nel libro non ho potuto riportare la mia esperienza nella struttura (burocrazia, ecc). Ma posso dirvi che la mia esperienza nella piccola biblioteca con le “mie donne” mi ha cambiato come persona.  Ricordo infatti che i primi tempi in cui andavo e cominciavo a conoscere le ragazze era molto difficile per me, ogni volta che tornavo a casa portavo con me una parte di loro, della loro vita, della loro storia. Adesso la struttura ha chiuso e le ragazze sono state spostate e mi mancano moltissimo ed è per questo che il mio libro è dedicato soprattutto a loro.

Mi fa piacere, però, riportare qui anche una parte dell’introduzione del prof. Guerrini, che esprime chiaramente e semplicemente lo spirito che ha guidato Valentina nel redarre il testo.

Valentina Mancini ha scelto di riportare alcune testimonianze dell’operato di queste biblioteche, delle loro difficoltà a offrire un servizio educativo in modo efficiente, costante, diffuso. L’obiettivo del libro di Valentina è, infatti, raccontare una storia, frammista di realtà e sogni, e soprattutto provare a far comprendere il motivo per cui le biblioteche carcerarie sono importanti, e magari a provare ad aprire uno spiraglio di speranza in tutti.

(dal sito dell’editore)

Se ho stuzzicato il vostro interesse, come Valentina ha fatto con me, trovate su Medium maggiori informazioni, insieme ad un frammento del libro e ai contatti dell’autrice. E se sabato 12 novembre 2016 vi trovate nei pressi di Certaldo (cittadina da visitare, ve lo consiglio) potete recarvi alla biblioteca comunale, dove verrà presentato il libro. Mi scrive Valentina che:

 

La presentazione sarà Sabato 12 Novembre, ore 16.00 presso la Biblioteca Comunale Bruno Ciari, Certaldo
Borgo Garibaldi, 37 – Via Mameli, 9
tel. 0517 661252/53
biblioteca@comune.certaldo.fi.it

Il prezzo, vedo, è di 15 Eur. Il prezzo medio di un romanzo, ma stavolta si tratta di un saggio. Chi legge questo blog sa che tendo a preferire prezzi più bassi possibile. Ma in questo caso il prezzo ci sta tutto.

Buona lettura.

Sentiero nero (Åsa Larsson)

(dal sito dell'editore)

(dal sito dell’editore)

Ve lo avevo detto, no, che la scuola giallistica svedese mi stava appassionando? Ed in particolare questa autrice, di cui sto leggendo la saga (questo è il terza capitolo, ecco i miei post sul primo e sul secondo).

L’eroina è sempre Rebecka Martinsson, e ci sono i coprotagonisti di sempre (gli agenti Anna-Maria Mella e Sven-Erick Stålnacke), anche se (come accennavo nel secondo capitolo) questi personaggi hanno un peso minore (a livello di pagine) rispetto agli altri protagonisti della storia. Tutti e tre vivono l’evento, lo affrontano, cercano di controllarlo, ma se si contassero le pagine in cui loro agiscono per risolvere il caso, risulterebbe meno di 100 (delle 423 che compongono il libro). Ma ogni buona storia nasce da lontano, ed ogni protagonista vive una serie di esperienze che lo portano, poi, al punto finale, in questo caso l’uccisione di Inna Wattrang e perché. L’autrice non ci guida per mano lungo una pista di indizi logici, ma ci presenta i personaggi, le loro storie, la loro vita vissuta e le scelte che hanno portato, tutti loro, in quel posto in quel momento a compiere quelle azioni…

Ma cominciamo dal “riassunto delle puntate precedenti”: Rebecka Martinnson, originaria di Kiruna, lavora presso uno studio di avvocati di Stoccolma. Torna al paese di origine per aiutare una amica il cui fratello (e amico di Rebecka) è morto assassinato. Facendo le domande giuste e sapendo leggere gli avvenimenti grazie all’esperienza del passato, riesce ad intuire una orrenda verità, dalla quale viene quasi uccisa. Fine del primo capitolo.

Nonostante una grossa crisi e una forte depressione, Rebecka continua a lavorare per lo studio di avvocati. Circa un anno dopo la scampata morte, torna a Kiruna per aiutare il suo capo con alcuni nuovi clienti. Rimane coinvolta, seppur marginalmente e involontariamente, in un nuovo assassinio e, pur senza fine investigativo, si avvicina così tanto alla verità da rischiare, nuovamente, la vita. L’amicizia con un ragazzo, ucciso nel finale dall’assassino, farà scattare la valvola della pazzia in Rebecka: forse uno sfogo contro tutto il dolore provato, ma anche una istigazione al suicidio (Rebecak sembra volersi annegare nel vicino lago). Fine del secondo capitolo.

In questo terzo capitolo Rebecka è in cura. E’ una donna forte, ma altamente depressa (converrete che la vita le ha presentato un conto decisamente salato nel giro di due anni). Però reagisce alle cure, capisce che la sua salvezza è razionalizzare e andare avanti. Non pensa di tornare a lavoro a Stoccolma, anche se il cuore le direbbe di riprovare. Le viene offerto un posto di procuratrice a Kiruna: dovrà occuparsi di reati fiscali (era il suo campo anche nel precedente lavoro) e lei accetta. Si ammazza di lavoro, con ritmi che altri ritengono alienanti, ma che la aiutano a non pensare al suo recente passato.

La detective di polizia Anna-Maria decide di chiedere aiuto a Rebecka in un caso di assassinio recente: Inna Wattrang, una donna piacente, viene trovata morta in un’arca (una casetta usata dai locali per la pesca su ghiaccio, in inverno), con sul corpo evidenti segni di tortura. Anna-Maria ha bisogno di capire chi è il capo e socio di Inna, Mauri Kallis, magnate e imprenditore: Rebecka è brava nel raccogliere il maggior numero di informazioni nel minor tempo possibile e, soprattutto, nel riassumerle nel modo più semplice possibile. Il giorno seguente Mauri Kallis sarà a Kiruna per varie pratiche relative alla sua collaboratrice defunta, e Anna-Maria intende torchiarlo per capire se la vicenda si sviluppa intorno al lavoro svolto dalla donna o tocca ambienti diversi.

E qui il giallo lascia il passo ai personaggi. Non si ha più una sequenza logica dei fatti, ma si vivono le vite dei protagonisti. Chi è Mauri, come ha tirato su l’immensa fortuna che lo rende uno degli uomini più ricchi del mondo? E chi sono Inna e suo fratello, entrambi collaboratori stretti di Mauri, talmente stretti da vivere nella mega villa da lui comprata?

Uno degli aspetti che più mi ha colpito (e che per ora apprezzo molto) dei gialli della Larsson è proprio il descrivere i personaggi: il delitto non viene spiegato con una sequenza logica di fatti (alla Sherlock Holmes, per intenderci) ma attraverso l’incrocio delle vite dei protagonisti. Non è un giallo in senso stretto: Åsa ci porta nella mente e nella storia dei personaggi, come se l’evento finale fosse la somma di tante piccole storie che in quel punto si incrociano. Come raccontavo per il secondo capitolo, il romanzo è come un puzzle: inizi collegando le tessere fra loro in piccoli gruppi, poi aggreghi i gruppi in gruppi più grandi, finché alla fine tutti i gruppi si collegano e ti si forma una immagine quasi completa. Gli ultimi pezzi da inserire sono quei dettagli che fanno comprendere l’immagine nella sua interezza, i singoli dettagli che completano il senso della storia. Certo, anche prima del finale intuisci, comprendi una serie di cose, ma il dettaglio preciso lo hai solo quando tutti i pezzi sono al loro posto.

La trama, di per sé, è semplice: come detto prima Anna-Maria coinvolge Rebecka nell’indagine per l’assassinio di Inna. Si tratta di una delle più importanti collaboratrici di Mauri Kallis, proprietario di varie aziende con capitale ad alto rischio (maggiore possibilità di perdere denaro, ma anche maggiori guadagni). Una di queste imprese è in un Paese caldo dell’Africa, in zone di guerra, e Kallis si vede coinvolto nell’organizzare un colpo di stato per mandare al potere una persona che potesse garantirgli maggiori possibilità di sfruttamento della miniera. Inna viene a sapere di questo e di altri giochi “sporchi” del suo capo e inizia a rivelare alcuni dettagli ad un giornalista che, guarda caso, qualche giorno dopo viene trovato morto. La polizia che indaga sulla morte di Inna lo viene a sapere ed inizia a collegare le due cose, ma non fa in tempo a interrogare Mauri perché succede un putiferio (e lascio alla vostra immaginazione indovinare cosa succede, a meno che non vi leggiate il libro 🙂 ).

Figura particolare in questo romanzo è la sorellastra di Mauri. Il finanziere è nato in condizioni disagiate (una madre malata mentalmente, l’assenza di un padre, l’affidamento, le prese in giro). Ester è una delle sorellastre, nata da una avventura della madre di Mauri e un disadattato di origine indiana. Viene adottata e cresciuta da una famiglia Sami, di cui prende le tradizioni ed i modi di fare. Ester ha due qualità, una che ha espresso da giovane (vena artistica da pittrice), ed una “nascosta” derivata – secondo la madre adottiva – dalla nonna adottiva, cioè vedere il futuro. Non parla mai di questa caratteristica, anche perché tende a vedere solo le cose brutte delle persone che incontra, ma – come vedrete alla fine del romanzo – è grazie a queste visioni che Ester salverà la vita a Mauri.

Ora, a me in generale i poteri paranormali non piacciono a meno che non siano storie che hanno questi poteri al loro centro. In genere non mi piacciono personaggi come Ester in racconti gialli, ma devo confessare che in questo particolare caso è stata una presenza significativa, seppur discreta. Avrei preferito un’altra opzione (lo scopo, nel racconto, di Ester è solo salvare il fratellastro: poteva esser fatto in modo diverso) ma ammetto che – soprattutto nel finale – la ragazza e la sua storia mi hanno un po’ intrigato.

Al di là di questo, Åsa Larsson ha dimostrato ancora una volta di saper costruire un giallo intrecciando vari fili (le storie dei personaggi) e costruendoli, uno ad uno, in modo quasi maniacale. In un romanzo qualsiasi penseresti a Mauri Kallis come ad un bastardo arricchito che se ne frega degli altri, o a Inna Wattrang come ad una opportunista amante della ricchezza. Ma l’autrice ci presenta storie diverse, che ci fanno entrare nei personaggi e ci fanno comprendere il loro modo di agire. Alla fine io ero un po’ in dubbio se considerare Mauri più delinquente o vittima: senza giustificare le sue azioni, mi son ritrovato a pensare che alcune sue scelte sono state più subite che ragionate. Come direbbe un vecchio detto, l’autrice fa camminare i lettori nelle scarpe dei personaggi, così da far vivere loro una parte dell’esperienza del protagonista.

L’incipit della pagina finale (ringraziamenti ed altro) dice “Metà della serie è scritta“: io ho già sul comodino il quarto capitolo (“Finché sarà passata la tua ira“), quindi aspettatevi nei prossimi mesi un nuovo post con protagonista la nostra eroina Rebecka (ah, quasi dimenticavo, sembra che alla fine il suo cuore abbia vinto sulla sua ragione). Ma non subito: dopo romanzi di questo spessore preferisco leggere qualcos’altro, magari più leggero, per staccare un po’.

Stavolta non dico niente sulla traduzione: nei capitoli precedenti avevo accennato ad un paio di elementi che mi avevano incuriosito. In questo caso non c’è niente di particolare. Resta (per quel che posso capire) ottima la traduzione di Katia De Marco, che riesce a rendere in un ottimo italiano anche alcuni dettagli tipici della cultura svedese (ed ho una amica che vive in Svezia, ed una cugina che conosce bene la Svezia: posso verificare alcune cose con loro quando ho dei dubbi).

Il prezzo? 12,50 Eur (che trovate scontato, come al solito, su Amazon). Devo dire che stavolta va bene. Oddio, se si arrivasse a 10 Euro sarei stra felice, ma rispetto ad altri romanzi gialli questo libro costa un po’ meno. E’ anche vero che la copia che ho preso è forse una edizione più economica (Marzilio, tascabili Maxi) e magari la prima edizione costava un po’ di più, ma – alla fine – devo dire che son contento. I 2-3 euro risparmiati, tanto, li spenderò nei prossimi volumi della saga 🙂

Buona lettura.

Dolce semplice e veloce

Martedì avevo voglia di dolce, sarà che era il mio onomastico (4 ottobre, San Francesco), o semplicemente avevo voglia di preparare qualcosa di gustoso.  Fatto sta che cerco una ricetta che mi sembrava di aver già proposto su questo blog, una ricetta veloce e facile per preparare un dolce “tipo” pan di spagna, uno di quei dolci ottimi per l’inzuppo. Ma non l’ho ritrovata, quindi – anche a rischio di doppione  – la (ri)propongo.

Ingredienti

wp_20161004_17_19_10_proUova, zucchero, farina (in egual peso), lievito per dolci (circa 20 grammi per ogni uovo)
Con “in egual peso” si intende che la quantità di zucchero e farina deve essere la stessa delle uova: peso le uova (nel mio caso 3, per 182 grammi) ed aggiungo, poi, zucchero e farina per lo stesso peso (grammo più, grammo meno).

Con questi ingredienti ho preparato un ciambellone in uno stampo da 24 cm.

Procedimento

E’ molto semplice e veloce, se lo si fa con la frusta elettrica (o una impastatrice) bastano 5 minuti. A mano ci vogliono 15-20 minuti.

Accendere il forno per preriscaldare a 180 gradi.

Sbattere le uova con lo zucchero finché questo non si è sciolto. Aggiungere la farina (setacciandola) e mescolare, lasciandone un poca (un paio di cucchiaiate) da parte. Mescolare alla farina rimasta il lievito e aggiungere all’impasto amalgamando il tutto. Il composto deve risultare liscio e omogeneo, e abbastanza morbido da poterlo colare nello stampo scelto. Nel caso fosse un po’ sodo aggiungere un po’ di latte finché non viene della consistenza desiderata (per intendersi, tipo pan di spagna). Far riposare 5 minuti.

Nel frattempo, imburrare ed infarinare uno stampo da forno. Appena pronto colarci l’impasto e infornare per 30 minuti a 180 gradi.

Varianti

wp_20161005_07_52_52_proAvevo della cioccolata fondente, a dadi, avanzata: l’ho spezzata con un coltello (lasciando qualche pezzo grosso e qualche altro più piccolo) e l’ho aggiunta all’impasto, ottenendo il risultato che vedete qui a fianco.

Ma potete mettere nell’impasto anche della frutta a pezzi (pere, mele, fichi), basta non sia troppo acquosa, che lascerebbe troppo molle (e un po’ crudo) l’impasto. Oppure, appena sfornato, potete dividerlo a metà e spalmarvi della marmellata, o ricoprirlo di cioccolato fuso (o, perché no, entrambe).

Io ho usato lo stampo da ciambellone dal diametro di 24 cm, ma ovviamente potete usare il contenitore che preferite. Attenzione che non sia troppo piccolo, sennò il dolce si sviluppa in altezza e rischia di non cuocere bene al centro.

Buon appetito!

Hotel Bosforo (Esmahan Aykol)

(dal sito Thienet)

(dal sito Thienet)

Esmahan Aykol ha uno strano effetto su di me… Son stato in Turchia, anni fa, e mi son fermato ad Istanbul (purtroppo solo un paio di giorni in totale) ma, come credo accada a molti, son rimasto affascinato dalla città. E quindi, dopo l’ultimo racconto dell’autrice presente nella raccolta Sellerio “Il calcio in giallo” mi son ritrovato fra le mani – e l’ho tenuto ben stretto – il suo primo giallo tradotto in Italiano. Si tratta di una edizione della collana “Noir 2011” di Repubblica – l’Espresso (ecco il piano dell’opera): non è l’edizione classica dell’editore ufficiale (Sellerio), insomma.

(dal sito Sellerio)

(dal sito Sellerio)

La copertina che vedete qui a sinistra – edizione che ho letto – è presa dal sito Thienet, dove trovate una ulteriore recensione. La copertina Sellerio è invece questa di destra (sul sito dell’editore trovate una trama più dettagliata e qualche informazione in più).

Dicevo che Esmahan ha uno strano effetto su di me: mi fa viaggiare in una città che ho conosciuto (seppur poco) e mi fa apprezzare ogni suo angolo, ogni suo personaggio. E’ impareggiabile nel descrivere le dinamiche di questa città cosmopolita e vivissima, mezza Europea e mezza Asiatica, ponte fra due civiltà e culla dell’integrazione (almeno fino ad un po’ di tempo fa). Beh, urge un confronto: la Aykol non è Mann, che io trovo uno dei più particolareggiati cesellatori di paesaggi nei suoi libri, però riesce a farti respirare (con mezzi diversi ma con la stessa intensità) l’atmosfera tutta particolare della città, di ogni suo più piccolo dettaglio.

Veniamo al romanzo: Katy Hirschel è una donna che si è trasferita ad Istanbul dopo una parentesi di vita a Berlino. Nata in Turchia, trapiantata in Germania (la famiglia emigra quando era piccola) e tornata, per quello che lei considerava un breve viaggio, in Turchia per cercare un po’ di radici, ma si innamora della città e non riparte mai più. Decide di aprire una libreria dedicata solo a romanzi gialli e sembra che i turchi apprezzino sia la libreria sia la persona.

Una amica e compagna di scuola, attrice abbastanza famosa, è protagonista di un film che verrà girato ad Istanbul: quale migliore occasione per rivedersi? E’ proprio la star a cercare Katy, la quale rimane positivamente sorpresa da questa novità: erano compagne di scuola, c’era una buona amicizia fra loro (anche se non la si può definire “amicizia per la vita”) ma la libraia non si aspettava mai di esser ricontattata, soprattutto dopo che l’amica era diventata una diva. Però, c’è un assassino che rovina in parte i loro piani: il regista del film viene ucciso, nella sua suite d’hotel, praticamente appena arrivato. Un omicidio particolare, i cui dettagli fanno pensare a qualcosa di organizzato fin nei minimi particolari.

Katy, accanita lettrice di gialli da una vita, e libraria specializzata in gialli, vede l’opportunità di passare (come dice lei) “dalla teoria alla pratica” e si improvvisa detective. Chiedendo informazioni a giornalisti, intrufolandosi (grazie all’amica) agli incontri con la troupe del film, sfruttando l’amicizia con un poliziotto che indaga sull’omicidio e anche alcune vecchie conoscenze in Germania, porta a galla antiche vicende che possono esser validi moventi per l’omicidio. Ma che, ovviamente, non vi racconterò. Posso anticiparvi che fra incontri con malavitosi, corti sfrenate di poliziotti, chiacchierate con varie persone, Katy riesce a comprendere quali sono veramente i motivi che hanno condannato il regista alla morte. Ma riuscirà Katy ad affrontare occhi negli occhi il colpevole (o saranno più di uno?). E, visto il suo atavico ribrezzo per le forze dell’ordine, ne parlerà alla polizia, al suo amico, così che il colpevole possa essere arrestato? Vi toccherà leggere il libro per saperlo 🙂

Un racconto tipicamente giallo, ma narrato con sfumature noir e qualche tocco di ironia. Il lettore si muove insieme a Katy, narratrice e guida in tutte le pagine: la ascolta (e ne conosce anche i pensieri più reconditi), la segue in tutte le sue indagini e scopre, insieme a lei, i singoli dettali che la guidano alla comprensione di tutta la vicenda. E’ il battesimo (della protagonista e del lettore) da detective, e avviene con estrema naturalezza. Oddio, io – personalmente – non avrei mai la faccia tosta che ha Katy nel rivolgere domande a certe persone: anche Katy ha paura, ma riesce a vincerla e a buttarsi, e questo rincuora noi lettori. Testarda e caparbia, non si da vinta finché non capisce. Non le interessa la giustizia in senso lato (polizia, carcere, processi) quanto la comprensione dei soggetti coinvolti. “Perché” è la sua domanda fondamentale, e l’unica di cui cerca la risposta.

Una delle cose carine del romanzo è l’ironia. Non che se ne trovi in ogni pagina, anzi. Però l’autrice dissemina qua e là alcune perle di tipica ironia femminile. Una anche quando parla degli stereotipi che i turchi hanno sui tedeschi (per esempio: una donna che ride di gusto non può esse tedesca, secondo i turchi).  Ha un “tocco” tutto particolare, la Aykol, nel raccontare la città, le persone e le vicende. E – almeno secondo me – riporta bene lo spirito della città, o almeno quello che era all’epoca del romanzo (ora è un po’ cambiato, soprattutto dopo il fallito golpe di metà luglio 2016).

il libro è del 2006, quindi immagino che Esmahan racconti una Istanbul dei primi anni 2000, quando veramente era una città aperta, bella da vedere, accogliente, cosmopolita. Son tutte cose che si leggono nel romanzo e che mi hanno confermato persone che si sono recate lì (ed anche io, nel mio piccolo, posso confermare). Poi le cose sono cambiate: ho letto di recente l’ultimo racconto della Aykol per la serie dei gialli di Sellerio (“Rifugiato” nel libro “Il calcio in giallo“) ed il ritratto che fa di Istanbul è nettamente diverso, tanto che anche la protagonista, Katy, è un po’ in crisi con la sua libreria. Non si respira più l’aria di una volta. L’autrice, insomma, ci racconta – sia in questo sia negli altri racconti – una città “attuale”: si può scoprire come era Istanbul qualche anno fa e come è adesso. Certo, la si vedrà dagli occhi di Esmahan, quindi con un taglio legato alle sue esperienze, ma è già un buon punto di partenza. Insomma, l’autrice riesce a farci viaggiare sia nel mistero (il giallo in sé) sia nel luogo dove le vicende si svolgono: se in altri casi i luoghi sono di fantasia (o talmente generici da essere in qualsiasi luogo), in questi romanzi la particolarità è proprio la città dove tutto accade.

Una nota sul fattore “giallo”: non aspettatevi una trama alla Agatha Christie o alla Conan Doyle. Anzi: si intuisce già molto dall’inizio (vi accenno qualcosa: l’omicidio ha un tocco puramente femminile, lo si capisce subito). Quello che piace del libro è l’ambientazione e il fatto di essere sempre a fianco della protagonista. Il giallo di per sé è carino ma leggero, intriga ma non ti prende nelle viscere: è tutto l’insieme che rende piacevole il romanzo. La sequenza logica che porta alla soluzione c’è, ovviamente, ma non ha quel mordente che tiene i lettori incollati, come succede in altri romanzi. Diciamo che in questi casi si viene “abbracciati” da tutti gli aspetti del romanzo piuttosto che attratti dal filone principale (il mistero da risolvere).

Che dire ancora? Buona lettura e buon viaggio virtuale nella Istanbul di inizio millennio.