Le armi della persuasione (Robert B. Cialdini)

Amazon – edizione Kindle da me comprata

Veloce (spero) post per commentare questo e-book comprato in offerta da Amazon: il prezzo dell’edizione elettronica (ad ora) è 5,99 Eur, mentre un mesetto fa era in offerta (per un giorno) a 1,49 Eur, ed è allora che ne ho approfittato. Del libro ne avevo già sentito parlare (il buon Massimo Polidoro lo aveva citato in alcuni suoi articoli) ed ero potenzialmente interessato all’acquisto (nel caso, cartaceo), ma ancora non mi decidevo a prenderlo. Proprio Massimo ha lanciato un “tweet” con l’offerta speciale del giorno (1,49 Eur, come dicevo sopra), e non me la sono lasciata scappare.

Per una valutazione del libro, però, devo partire da cosa mi aspettavo da esso. Come detto più sopra, ne avevo sentito parlare. L’idea che mi ero fatto era di un libro che riporta, sostenuto da vari riferimenti ad esperimenti e studi scientifici, come sia possibile “raggirare” eventuali ragionamenti logici del nostro interlocutore e – con la forza delle parole – portarli a nostro vantaggio. Tipo come chiedere l’aumento al capo ed avere successo 🙂 A parte le battute, speravo di capire i processi cognitivi generici delle persone, così da migliorare la mia comunicazione, oltre che per pura curiosità (capire come funziona il mio cervello).

Ma il libro non è questo, anche se affronta in modo abbastanza diretto alcuni aspetti di quanto cercavo. Per spiegarmi meglio uso le parole con cui l’autore introduce il libro:

Probabilmente questo antico status di vittima designata [a comprare qualsiasi cosa proposta] spiega il mio interesse per lo studio dell’acquiescenza. Quali sono esattamente i fattori che inducono una persona a dire di sì alle richieste di un’altra? E quali sono le tecniche che sfruttano con più efficacia questi fattori? Perché una richiesta formulata in un certo modo viene respinta, mentre una richiesta identica presentata in maniera leggermente diversa ottiene il risultato voluto?

E’ l’ultima frase (una richiesta identica presentata in maniera leggermente diversa…) quella che più si avvicina a cosa cercavo. Ma il libro non istruisce su come presentare le richieste, ti illustra piuttosto quello che ad ora si sa di come agisce il nostro cervello di fronte a quelli che Robert indica come “6 principi psicologici fondamentali che orientano il comportamento umano“. Questi principi sono nati e si sono evoluti insieme al genere umano e spesso forniscono delle scorciatoie per prendere decisioni per le quali il cervello richiederebbe tempo ed energia. Semplificando molto potremmo dire che il buon vecchio “così fan tutti” è una di queste scorciatoie (se lo fan tutti lo faccio anche io), anche se non delle migliori. Ho una riprova personale su questo: se capito in un ambiente sporco anche io tendo a sporcare di più, mentre in un ambiente pulito sto più attento. E scommetto che molti di voi fanno similmente: provate, in un bagno pubblico, a riflettere sulle vostre azioni in base al livello di pulizia che trovate.

Il bravo venditore conosce (anche senza aver studiato psicologia) questi principi e sa sfruttarli per creare una specie di corto circuito a suo vantaggio. Per intenderci: se abbiamo bisogno di un auto il venditore sa come imbastire il discorso per convincerci a prendere quell’accessorio in più o quel modello particolare. Non è una fregatura: l’auto ci serve e il venditore, magari, ci vende una buona auto, che realmente ci piace. Solo che, se eravamo partiti per spendere 100, probabilmente il venditore ci avrà spillato 120… Cioè ci viene dato quello che cercavamo, ma veniamo convinti a spendere qualcosa di più in dettagli che inizialmente non ci interessavano.

I 6 principi psicologici su cui l’autore si concentra (secondo lui ne esistono anche altri ma che tendenzialmente derivano da questi) sono: “coerenza“, “reciprocità”,riprova sociale“, “autorità”, “simpatia”, “scarsità”. Non sto a dettagliare qui cosa Cialdini racconta di essi: c’è un capitolo intero per ognuno di loro, corredato da esempi e supportato da studi scientifici (con note a fondo libro per maggiori riferimenti). Robert analizza ogni principio, indicando quali possano esser stati i vantaggi evolutivi che esso ci ha portato, e richiamando alcuni esperimenti che hanno permesso di definire bene come questo principio agisce, per poi passare ad alcune indicazioni di come questo principio sia sfruttato da venditori e postulanti, e concludendo con alcuni suggerimenti per non cadere nella trappola di chi li sfrutta.

Anche se il libro non corrispondeva al 100% alle mie aspettative devo dire che l’ho trovato molto interessante e, addirittura, mi son trovato a riflettere su quali principi vengono usati in alcune pubblicità televisive o se mi trovo a dover contrattare un qualche servizio. Forse prossimamente dovrò comprare un auto nuova: se mi accorgo che il venditore cerca di sfruttare alcuni di questi principi, e nel caso riesca a controbattere, ve lo racconterò 🙂

Ho poi espanso il ragionamento: il libro fa riferimento a studi della fine del ‘900 e, su alcuni, credo l’autore si debba un po’ aggiornare. Penso in primis agli studi atti a dimostrare il principio di autorità (fai qualcosa perché ti viene detto da una persona che si identifica con una autorità superiore alla tua: esempio pratico, in pubblicità si mostrano dottori – veri o finti che siano – quando si reclamizzano prodotti farmaceutici). Potrebbero variare, secondo me, i risultati in base alla zona geografica: non sono convinto che lo stesso esperimento – riportato nel libro – della somministrazione del medicinale, oggi, in Italia, darebbe gli stessi risultati di quello citato dall’autore.

Al di là dei dubbi di sorta, però, i principi si sono sviluppati in migliaia di anni e si possono sfruttare in tanti modi. Ed ultimamente stanno prendendo piede in Internet. O meglio, vengono usati più efficacemente. Da quando la pubblicità esiste, infatti, gli esperti di questo settore sanno usare (in parte o tutti) questi principi. C’era però un problema sul messaggio legato al mezzo: potevi fare la pubblicità più fantastica del mondo ma dovevi distribuirla su un giornale o su una rete Tv: milioni di persone ricevevano lo stesso messaggio nella stessa forma e, come dicevamo all’inizio, non tutti reagivano allo stesso modo. Ma se tu potessi sapere inizialmente le preferenze di alcune persone, potessi descriverle con degli “indicatori”, raggrupparli in base ad essi e mandare messaggi diversi ai singoli gruppi? E’ più faticoso, certo, perché devi dare una forma diversa al tuo messaggio in base al gruppo destinatario, ma garantisce risposte (spesso positive) in numero molto maggiore. E questo, oggi, lo si fa con la profilazione internet.

La cosa un po’ mi ha inquietato, perché pochi giorni dopo aver finito il libro, e prima di iniziare a scrivere questo post, mi sono imbattuto in un articolo di Valigia Blu che spiega, infatti, come sia diventato possibile, analizzando le tracce digitali delle persone che navigano su internet, definire tutta una serie di indicatori che riescono a descrivere potenzialmente ogni soggetto fino a prevederne i gusti. Manna per i siti on line, che possono proporre pubblicità mirate. Ma manna, si legge nell’articolo, anche per gli analisti politici, che in questo modo riescono a smuovere gli indecisi in modo più diretto, influenzando il voto finale e riuscendo, spesso, a far pendere la bilancia dal lato che loro vogliono.

Nell’articolo (ecco il link: Power of BigData – analisi delle tracce digitali per influenzare il pubblico) oltre alla spiegazione “tecnica” (ma non da nerd) di come questo sia possibile ci sono anche alcuni esempi che rimandano agli ultimi eventi (come la Brexit e le presidenziali americane): i vincitori si sono avvalsi dei servizi di questa società per parlare in modo mirato e specifico a iccoli gruppi omogene di indecisi, riuscendo a portarli dalla loro parte… Non si può dichiarare in modo assoluto che sia stato questo meccanismo pubblicitario (il voto come prodotto da vendere ad un pubblico di indecisi) a far vincere quella parte, ma c’è un forte sospetto che abbia aiutato. Ed è illegale? No: gli indecisi hanno ricevuto delle informazioni ma hanno ragionato con la loro testa. L’unica cosa che potremmo contestare è la “qualità” dell’informazione: magari si è scelto di passare solo quelle cose che avvantaggiavano la parte rappresentata.

Plus: attraverso un link nell’articolo potete accedere ad una versione del DB di profilazione di cui si parla.

Buona lettura!

Idiosincrasie italiche 2.0 (aggiornato)

Niente libri né ricette stavolta, ma una vicenda personale – semplice, piccola, assolutamente secondaria – che mi fa sorridere di un sorriso amaro, lo stesso che provo quando ho a che fare con la burocrazia…

Prologo.

Devo rinnovare la mia patente di guida. Decido di farlo tramite una autoscuola: niente di più semplice. Fissi, ti visitano, confermano che è tutto Ok e la tua patente viene rinnovata. E ti dicono che verrà stampata una nuova tessera che sostituisce la vecchia (niente più adesivo, coi nuovi dati di scadenza, da appiccicare sopra). Mi dovrebbe arrivare in due giorni. Sorpreso chiedo: in due giorni? E mi spiegano che grazie alla nuova procedura telematica, appena il dottore da l’Ok parte la stampa della tessera che verrà inviata con raccomandata assicurata al proprio domicilio. Quasi in tempo reale. Ma, per coprire questi due giorni (anche se la vecchia patente sarebbe stata ancora valida), mi danno un foglio che certifica che sono in regola e la patente mi sta arrivando.

Ganzo! Finalmente un pezzo di Italia che funziona, dove la tecnologia semplifica la vita. Ne ho viste di cose cambiare negli anni, e alcune sono state molto semplificate. Sono fiero di questa Italia che sta cambiando: ancora ne deve fare di strada, ma almeno ha iniziato a percorrerla.

Felice esco dall’autoscuola. Senza immaginare che possa esistere – insidiosamente nascosto in qualche ingranaggio – un “però”.

Il colpo di scena

Io lavoro e penso a te” (in auto, recandomi al lavoro, cantavo Battisti pensando alla mia patente nuova). Ma anche mia moglie lavora. E il povero postino, che passa effettivamente 2 giorni dopo la visita, suona – come vuole la regola – due volte. Ma (scomodiamo anche Celentano): “E’ inutile bussare suonare qui, non vi aprirà nessuno“. Questo, almeno, in orario lavorativo. Maledetto orario lavorativo, che essendo uguale sia per noi che per il postino, ci costringe ad essere assenti quando al postino farebbe comodo fossimo presenti…

Quindi il solerte postino lascia un avviso che indica che ci sarà un nuovo tentativo nell’arco di 30 giorni. Nello stesso avviso è anche riportato un numero telefonico da chiamare se si vogliono ulteriori informazioni o fissare un nuovo tentativo. E io chiamo, perché – penso – l’ufficio presso cui lavoro si trova a 2 minuti da un ufficio postale: se potessero mandarmi lì la raccomandata con la patente eviterei un secondo tentativo al povero postino (che – col caldo di questi giorni – magari apprezza).

Fra avvisi di benvenuto (fra cui – mi dicono – le informazioni sulla privacy saranno trattate in modo corretto), avvisi su SPID con Poste italiane, richieste di partecipare ad un sondaggio sulla soddisfazione del cliente, arriva finalmente il menù delle opzioni. Premi un 1 di qua. Poi un due di là. Acc…, ho sbagliato, rifacciamo. Avvisi, SPID, sondaggio, uno, uno, due… finalmente la sequenza giusta (che fra avvisi e scelte richiede circa 1 minuto – per fortuna è un numero verde). Dopo altri 30 secondi “Risponde l’operatore bzzzzzzzzz… Tu tu tu tu tu….” Linea interrotta: ritentiamo e saremo più fortunati.

Ed in effetti, dopo la solita sequenza, risponde una persona in carne ed ossa, gentile, che mi spiega però che la procedura non prevede che si possa cambiare indirizzo di spedizione e che il postino deve passare una seconda volta, dopodiché è possibile ritirare la busta presso l’ufficio competente. Mi consiglia di fissare un secondo appuntamento, per rendere più veloce la procedura, altrimenti il postino potrebbe passare nell’ultimo dei 30 giorni previsti. Io chiedo se si può anche fissare un orario, ma ciò non è possibile (lo capisco: dovrebbero avere personale dedicato). Con mio rammarico fisso un nuovo appuntamento, ben conscio che il postino suonerà nuovamente due volte ma nessuno aprirà.

L’imprevisto

Fissato per il giorno x, il postino passa e – come ci si aspettava – non trova nessuno: deposita quindi un nuovo avviso. Solita solfa: tenterà nell’arco di 30 giorni (dal primo avviso) una nuova consegna dopo di che potrò andare a prelevare la busta all’ufficio competente. Niente numeri di telefono stavolta, ma io chiamo quello che mi avevano dato la volta prima.

E io chiamo, perché – penso – l’ufficio presso cui lavoro si trova a 2 minuti da un ufficio postale … ah, ma questo l’avevo già detto!

In realtà chiamo perché ricordo che il precedente operatore aveva detto che dopo il secondo avviso “possiamo fare qualcosa”. Ricordo che mi aveva detto che si sarebbe velocizzata la procedura. Quindi ricomincio: numero verde, avvisi, SPID, sondaggio, uno uno due, risponde l’operatore 54321, tu tu tuuuuuuuuuu… Riaggancio. Driiiin. Pronto? …uuuuuuuuuuuuuuu… Riaggancio. Driiiiiiiiiiin. Pronto? …uuuuuuuuuuuuuuuuuuuu… Riaggancio. Driiiiiiiiiiiiiiiiiin. Pronto? …uuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu… Il centralino di Poste non mi vuol mollare! Riaggancio una quarta volta. Dri…… Finalmente lo squillo si strozza a metà: silenzio. Tiro un sospiro di sollievo. Credevo di aver mandato in tilt il risponditore automatico di Poste.

Aspetto 2 minuti e riprovo: Avvisi, SPID, Sondaggio, uno uno due… “attendere prego… sarete messi in contatto col primo operatore disponibile… Attendere prego… causa congestione di traffico non ci sono operatori disponibili, si prega di richiamare più tardi”. Probabilmente ho mandato in tilt il risponditore automatico di Poste. Meglio aspettare il giorno dopo.

E fu sera e fu mattina: nuovo tentativo. Stavolta le cose filano lisce e dopo i soliti avvisi, SPID, sondaggio, sequenza uno uno due risponde un altro operatore, ugualmente gentilissimo, che – con la pazienza che solitamente è necessaria coi bambini nel pieno della fase del “perché?” – risponde ad ogni mia richiesta di cambiare la procedura: Posso passare a ritirare io? Mi dispiace, non ancora. Posso chiedere che mi venga spedito da un altra parte? No, mi spiace, no. Posso fare qualcosa? Purtroppo no.

Epilogo

Devo attendere che il postino, per la terza volta, suoni due volte. Ciò accadrà nell’arco dei 30 giorni (a partire dal primo avviso) e nel pieno dei 40 gradi di questo luglio. Dopodiché, tenendo fieramente in mano il pezzo di carta su cui esso è scritto, potrò recarmi all’ufficio competente (quale sarà?) per ritirare il pezzo di plastica dove è certificato che posso guidare l’auto. Aggiornerò il post quando avrò finalmente in mano il pezzo di plastica.

2017-07-14 – Aggiornamento.

Finalmente il postino passa per la terza volta. Lascia l’avviso, che io prelevo dalla cassetta delle lettere con estrema cura, per non spiegazzarlo, rovinarlo, perderlo… Il giorno successivo mi reco bel bello all’ufficio postale indicato. Doppio stupore: l’ufficio è aperto fino a tardo pomeriggio (non devo prendere permesso da lavoro), e la macchinetta che da i numeri (naaa, maliziosi, non intendo dire che è pazza, ma solo che fornisce i bigliettini coi numeri per la fila) ha un lettore di codici a barre. Ci passo sopra il codice stampato sul mio avviso e…  Delusione… Non avevo letto – nell’avviso – che il “plico” sarebbe stato ritirabile SOLO dal giorno tal dei tali (che, guarda caso, è due giorni dopo l’avviso, quindi domani). Salutato da un laconico “Plico in lavorazione, ritirabile dal giorno xxx” sullo schermo della macchinetta numeratrice, torno via con l’avviso – al posto della coda – fra le gambe.

Il giorno dopo non posso passare, quello dopo ancora riesco a tornare all’ufficio postale. Scan del codice, emissione del bigliettino col numero, attesa… 5 minuti e lo sportello uno mi chiama. L’impiegata (anch’essa gentilissima) mi prende il plico, mi chiede se avevo letto che c’era da pagare un a piccola cifra (e stavolta sì, avevo letto) e mi consegna la busta. Ma io rimango stupito di un’altra cosa: l’impiegata, per documentare la consegna ed il pagamento del corrispettivo, deve stampare un foglio e completarlo a penna, a mano, prima di farmelo firmare. Lo stupore nasce dal contrasto fra un (abbastanza) efficiente sistema informatizzato (tutta la tracciabilità del plico fino alla macchinetta spara numeri, la gestione delle code, …) e la costrizione alla manualità dello sportello. Perché l’impiegata deve registrarsi il completamento di una operazione su un foglio da gestire (compilare e archiviare) a mano quando tutta l’operazione è stata seguita da un computer? Misteri dell’informatizzazione…

 

Considerazioni

Lasciamo perdere imprecazioni varie. C’è una sola cosa che mi rode: perché quando si migliora qualcosa di amministrativo c’è sempre un intoppo che fa perdere il vantaggio acquisito? Capisco che serva un controllo (e quindi una procedura che permetta tale controllo) per la consegna della patente, ma dopo il primo avviso (l’operatore di Poste vuol sapere il codice avviso e mi chiede alcuni dati che lui può verificare: così è abbastanza sicuro che la persona al telefono è la persona interessata) non sarebbe più facile concordare un altro sistema di spedizione? Per me è molto comodo ritirarla, per esempio, in un ufficio postale molto vicino al luogo di lavoro: perché non mandarmela lì (dove possono controllare di persona che io sia veramente io)? Sarebbe una semplificazione per tutti: un minor carico di lavoro per i dipendenti Poste, e la possibilità da parte mia di gestire il ritiro senza dover prendere ore di permesso.

Bisognerebbe che gli estensori di questa procedura subissero loro per primi le conseguenze di essa. Tempo fa si diceva che gli architetti avrebbero dovuto vivere nelle case che disegnavano: belle sì, ma troppo distanti dalla realtà quotidiana; emozionanti da vedere ma poco pratiche da vivere. Ora (mi sembra) gli architetti hanno cambiato (almeno un po’) il loro modo di vedere le cose. I burocrati, invece, sembra di no…

E si torna al solito, inflazionato, Gattopardo:

«Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi.»

[Voce “gattopardismo” sul dizionario Treccani on line]

Firenze Libro Aperto: luci ed ombre sulla manifestazione

Sento già un coro alle mie spalle che dice “certo, te arrivi dopo il fumo alle candele”. Anzi, in questo caso arrivo quando anche il fumo è già sparito… E’ un modo di dire per persone che dicono / fanno qualcosa ben dopo che gli altri hanno già detto / fatto da tempo.

E hanno ragione: Firenze Libro Aperto si è tenuto a febbraio. Io avevo detto che sarei andato a visitarlo e avrei scritto, ma solo ora mi accingo a farlo. Mettiamola così: sono in anticipo di 9 mesi per l’edizione 2018 🙂

Cosa è (stato) “Firenze Libro Aperto”? Il primo salone nazionale del libro che si tiene a Firenze. L’edizione 2017 si è svolta presso la Fortezza da Basso, luogo deputato ad ospitare convegni, congressi, fiere e manifestazioni. Una location veramente caratteristica ma che (prima ombra) per questo salone ha aperto solo un ingresso secondario. Non si entrava alla Fortezza, come per altre manifestazioni, dal portone principale, ma da un portone “secondario”, scendendo una serie di scalini (ed ho visto genitori con passeggini fare determinati sforzi, sia per entrare, sia – soprattutto – per uscire).

Però appena entrato, sono rimasto sorpreso dal numero di persone che stavano girando fra gli stand e dal numero stesso di stand presenti. La home page del sito dell’evento dichiara che erano presenti più di 150 espositori e oltre 23.000 visitatori (copia della pagina su archive.is). Questo è un fatto positivo: c’è interesse per saloni del genere (e, spero, anche per la lettura) e c’è fermento fra i produttori di contenuto. Ho notato molte piccole case editrici, molte realtà locali, editori specializzati in temi particolari (dalla ricerca di sé stessi all’omeopatia a tematiche New Age) o focalizzati su particolari momenti storici della città (I medici, il rinascimento, la Signoria, Il calcio storico… Firenze in tutte le salse, insomma). Ho però visto pochi editori grandi, segno che ancora loro non pensano di investire in questo salone.

Però, di per sé, ho visto poche iniziative delle case editrici (grandi o piccole che fossero). Le (poche) grandi presenti erano lì per vendere, non per presentare qualcosa di nuovo (a parte qualche uscita casualmente in concomitanza col salone). Mentre fra i piccoli ho notato la voglia di raccontarsi, di parlare della qualità che applicano ai loro progetti editoriali, ma a parte l’entusiasmo di esser presenti non presentavano iniziative particolari.

In altri termini: bene o male tutti applicavano uno sconto o offrivano offerte promozionali, ma quasi nessuno cercava di attirare l’attenzione proponendo allestimenti particolari dello stand o offrendo qualcosa di diverso dal segnalibro e dal catalogo. Ciò credo sia dovuto a due fattori: il poco spazio a disposizione (gli stand più piccoli sembravano in grado di ospitare a mala pena una persona in piedi) e l’inesperienza. Ricordo che solo una cosa mi ha colpito. La casa editrice Mds di Pisa (citata pochi post fa) presentava libri chiusi in pacchi regalo. Su ogni pacco c’erano scritti tre aggettivi che l’autore riteneva descrivessero il libro. Era un acquisto alla cieca basandosi sugli aggettivi scritti nell’incarto. Da quel che ho visto solo questa attività è stata capace di attirare con curiosità i passanti.

Una nota veramente dolente, secondo me, sono stati gli spazi. Sia quelli riservati agli espositori, sia quelli per gli incontri, sia quelli per le iniziative collaterali (tipo le mostre di opere artistiche legate al libro).

Nel primo caso l’intenzione (teoricamente buona) degli organizzatori era garantire uno spazio a tutti, anche agli editori più piccoli, Quindi costi contenuti (almeno dicevano sul sito) ma anche spazi contenuti, tanto che alcune piccole case editrici avevano appena i metri quadri sufficienti a piazzare un banco (della dimensione di quelli scolastici) ed una persona in piedi. In alcuni casi c’era un appiccicaticcio che non ti faceva distinguere un editore dal vicino.

Gli spazi per gli incontri, a parte le stanze nella zona dei libri per bambini, adibite alle attività per i più piccoli, erano ricavate dai corridoi esterni di passaggio: un gruppo di sedie attorno ad un mini palco con due scrivanie (a volte non c’era nemmeno il mini palco) con un arrangiamento del tipo “ho trovato due cose all’ultimo minuto”. Sembravano, insomma, più comizi improvvisati ai crocicchi dei corridoi che incontri con scrittori / editori / lettori. E’ in questo campo che – credo – è mancata più di tutto l’esperienza.

Qua e là erano anche piazzate alcune opere d’arte legate al mondo librario, ma anche queste affogavano nel caos degli spazi. Qualcuna era a ridosso di un “angolo” dedicato agli incontri pubblici, ed era non apprezzabile perché mancava lo spazio per godersela. Un altra era in un corridoio di passaggio dove la folla ti portava via se ti fermavi a guardarla.

Però, come ho detto prima, ho respirato entusiasmo e tanta voglia di partecipare: gli errori di valutazione saranno corretti alla prossima edizione (spero) e sarà possibile godersi un salone del libro più bello e maturo.

Cosa mi piacerebbe nella nuova edizione?

 

Prima di tutto spazi più delineati, con luoghi di incontro specifici e ben marcati. Se voglio partecipare alla presentazione di un libro a cura dell’autore, vorrei avere uno spazio “isolato” dal passaggio delle persone, in modo da potermi concentrare di più.

Vorrei poi che gli editori osassero di più, si inventassero qualche iniziativa in grado di stimolare la curiosità, catturare l’attenzione. So che questo per qualcuno può esser difficile: piccole case editrici, spesso composte da una o due persone, non hanno risorse per poter pensare al marketing e puntano tutto sulla qualità. Ma a volte qualche idea che sembra folle, a poco prezzo, può rendere molto.

Per ora mi accontenterei di queste due cose: vediamo se alla prossima edizione qualcosa si è smosso.

[Anteprima] Non c’è più la Sicilia di una volta (Gaetano Savatteri)

Sì, ne sono consapevole, latito da questo blog sapendo di latitare… Ma prometto di tornare a scrivere (ma soprattutto a leggere) in tempi brevi.

Per ora volevo segnalare questa novità editoriale (che ormai tanto novità non è, visto che è già in libreria da circa 1 settimana): uno sguardo su una Sicilia moderna e sempre più distante dai consueti stereotipi, a cura di Gaetano Savatteri, siculo scrittore di recente (per me) fama. A vedere la bio su Wikipedia, scrive da molto tempo, mentre io l’ho scoperto solo nel 2014, grazie alle raccolte in giallo della Sellerio (ne: La crisi in giallo, Turisti in giallo, Il calcio in giallo) e mi è piaciuto molto sia per lo stile sia per gli intrighi che riesce a gestire nelle storie (che, appunto, diventano molto intriganti).

Questa volta il libro, a leggere la descrizione, sembra una guida alla scoperta della Sicilia, ma senza andare a fare concorrenza alle “vere” guide turistiche. Un po’ come fece Malvaldi raccontando la sua Pisa… Da quel che si capisce dall’indice (PDF presente sul sito dell’editore) Gaetano ci porta a conoscere una Sicilia moderna e attraente, diversa dagli stereotipi (per citarne due, mafia e machismo) che fin’ora l’hanno circondata. Ci racconta curiosità sulla sua terra e ce la fa scoprire nello stesso modo in cui ha fatto anche Camilleri con Montalbano e altre sue storie.

Mi fermo qui, vi lascio ad un articolo su Huffington Post (una breve intervista con Savatteri) e la presentazione sul sito Laterza (l’editore). E se il 18 Marzo siete a Roma, alle 18 presso l’Auditorium Parco della Musica trovate l’autore (evento indicato dal sito Laterza).

280 pagine per 16 Eur (9,90 in e-book): per ora non faccio commenti sul prezzo (devo valutare fisicamente il libro). Sapete (chi legge costantemente questo blog) che mi immagino, per libri simili, un prezzo intorno ai 12 Eur, ma al momento non ho ancora verificato né il contenuto né il supporto fisico (il libro). Posso solo dire che è un prezzo decisamente più basso rispetto ad una buona guida turistica, mentre è leggermente più alto rispetto ad un romanzo. Ovviamente su Amazon lo trovate col solito sconto del 15% (13,60 Eur).

Se qualcuno lo ha già letto commenti pure 🙂

Buona lettura!

P.s: per i più pigri, a cui pesa anche fare un click (li conosco bene, sono anche io estimatore questo stile di vita), includo un frammento della presentazione dal sito Laterza.

«Non ne posso più di Verga, di Pirandello, di Tomasi di Lampedusa, di Sciascia. Non ne posso più di vinti; di uno, nessuno e centomila; di gattopardi; di uomini, mezz’uomini, ominicchi, pigliainculo e quaquaraquà. E sono stanco di Godfather, prima e seconda parte, di Sedotta e abbandonata, di Divorzio all’italiana, di marescialli sudati e baroni in lino bianco. Non ne posso più della Sicilia. Non quella reale, ché ancora mi piace percorrerla con la stessa frenesia che afferrava Vincenzo Consolo ad ogni suo ritorno. Non ne posso più della Sicilia immaginaria, costruita e ricostruita dai libri, dai film, dalla fotografia in bianco e nero. Oggi c’è una Sicilia diversa. Basta solo raccontarla.»

L’immagine della Sicilia è legata a tanti capolavori della letteratura e del cinema di ieri. Ma leggere la Sicilia attraverso gli occhi degli autori del passato è come andare in giro con una guida turistica di un secolo fa. Gaetano Savatteri ci restituisce un volto inedito e sorprendente dell’isola. Accanto alle rovine greche scopriremo i parchi di arte contemporanea più estesi d’Europa. All’immagine di Corleone si affiancherà quella di una Sicilia urbana e metropolitana. Invece della patria del machismo conosceremo il luogo in cui è nata la prima grande associazione in difesa dei diritti degli omosessuali. Al posto delle baronesse troveremo una generazione di donne manager e imprenditrici. E ancora, incontreremo un panorama letterario, musicale, teatrale tra i più vivaci di oggi. Con buona pace del Gattopardo, non è vero che in Sicilia tutto cambia perché tutto rimanga com’è: sull’isola, negli ultimi anni, quasi tutto è cambiato.

Nuova edizione de “La macchina del tempo” di Wells

Notizia veloce veloce…

Sta per uscire (fine febbraio) per Einaudi una nuova edizione de “La macchina del tempo“:

Il capolavoro della letteratura fantastica nella nuova scintillante traduzione di Michele Mari

Ho sempre apprezzato il film (quello del 2002), tanto che me lo son  visto due volte, e mi ha sempre incuriosito l’autore (che ha scritto un altro – a dire di molti – capolavoro di fantascienza: “La guerra dei mondi“, sviluppato in vari film, l’ultimo del 2005 con Tom Cruise e diretto da Steven Spielberg), quindi penso di non farmi scappare questa edizione.

Come dice il sito Einaudi, si tratta di una nuova traduzione a cura di Michele Mari, che è scrittore e saggista, nonché traduttore (fra l’altro) de “L’isola del tesoro” di Stevenson (edizione Rizzoli 2012). E sapete che un buon traduttore è necessario per certi capolavori: a vedere alcune info del traduttore su Wikipedia pare proprio che possa valere la pena acquistare questa edizione del libro.

Sembra, insomma, promettere bene: ve ne parlerò meglio, però, dopo aver letto il libro. Se, però, qualcuno di voi ha altre indicazioni, le aggiunga nei commenti!

Buona lettura!