L’alfabeto della saggezza (Coles-Ross)

21 racconti da tutto il mondo

Diciamolo subito: è uno di quei libri che ti fanno l’occhiolino da uno scaffale di un supermercato… non so: magari in libreria faticheresti a vederlo. Titolo e copertina ti attirano, vedi che è dedicato ai ragazzi (e avendo a che fare coi ragazzi, per catechismo, animazione e altro, pensi che possa darti qualche spunto) e alla fine lo metti nel carrello.

Le autrici sono due sorelle ispano-americane (padre spagnolo e madre statunitense, nate a Città del Messico) lavorano insieme nonostante la grande distanza: una vive in Francia e l’altra negli States. Sono accomunate dalla passione per racconti popolari e tradizionali di tutto il mondo, che raccolgono e riscrivono in una forma semplice…

Proprio di questo tratta il libro: 21 racconti, ognuno introdotto da una lettera dell’alfabeto italiano (credo che l’uso dell’alfabeto italiano sia stato un adattamento per la nostra nazione del testo originale).

O come onestà, D come desiderio, N come non violenza, S come silenzio, P come perdono… tante piccole “favole”, di due tre pagine l’una, con una morale positiva o che elogiano una certa qualità (l’astuzia, la capacità di concentrarsi su un bersaglio…).

Lo ritengo un qualcosa di piacevole da leggere coi propri figli prima di andare a letto. Senza escludere, ovviamente, le favole della tradizione: magari usando questi racconti come “intervallo” fra una favola e l’altra, come un “tramezzino” per stuzzicare l’appetito dei ragazzi verso la lettura.

Nonostante il libro sia di piccolo formato, ci sono anche delle belle illustrazioni ed il testo è facilmente leggibile, così che anche un ragazzo, da solo, può leggerlo (ma consiglio sempre di leggere insieme ai propri figli: quando saranno grandi – intorno ai 10-12 anni – allora inizierà per loro il tempo di leggere da soli).

Una cosa che – secondo me – manca è il riferimento alla storia originale o alla tradizione popolare da cui è stato tratto il racconto. Certo: la mancanza non rovina il racconto, ma il sapere la zona geografica dove questo racconto si è originato potrebbe aiutare a capire meglio le tradizioni di alcuni popoli. In fondo “favole” e leggende tradizionali aiutano a ricordare la storia e a formare la morale di un popolo.

Altra “pecca” – sempre secondo me – è il prezzo: il supermercato lo faceva pagare 7,23 Euro. Ok, non è esagerato, ma per un libro del genere mi aspetterei di pagare qualcosa meno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *